News dal mondo fbf

Post by Matilde Cirini On 11 Marzo 2019 In Fbf news

La prima "superstrada ciclabile" è tutta toscana

Firenze deve diminuire drasticamente il numero di auto e puntare sulla mobilità sostenibile. Ecco perché la Città Metropolitana di Firenze sta investendo più di 7 milioni di euro per la prima ciclovia extra-urbana: quasi 10 chilometri di "superstrada ciclabile" che collegheranno Firenze a Prato.

La realizzazione dei primi lotti della ciclabile, che prevede una carreggiata di 4 metri a due corsie, illuminata e con colonnine di ricarica per le bici elettriche, è in programma entro la fine dell'anno. Ce ne ha parlato Nadia Bellomo, responsabile dell'ufficio urbanistica della Città Metropolitana di Firenze.

Cos'è la ciclabile Prato-Firenze?

Sarà la prima infrastruttura extra-urbana riservata alle bici in Italia. Una vera e propria superstrada ciclabile su modello di quelle tedesche o olandesi di cui, attualmente, non esiste un'omologa italiana. In Toscana esistono ciclovie con sezioni stradali ampie, ma finalizzate al diporto, ad esempio per escursioni o cicloturismo. Quello di Città Metropolitana, invece, è un progetto pensato per una mobilità urbana di nuova concezione e di respiro internazionale. Dimentichiamoci il mezzo privato: Firenze deve diminuire drasticamente il numero di auto, puntando su intermodalità e sostenibilità. 

Come sarà?

Sarà una ciclabile in sede propria, non promiscua e quindi riservata esclusivamente ai cicli con una carreggiata di 4 metri con due corsie per senso di marcia che si estenderà per quasi 10 km. Abbiamo pensato ad un percorso protetto senza intersezioni pericolose, prevedendo ad esempio sottopassi invece di semafori e, per quanto possibile, il tragitto sarà rettilineo. La superstrada da Firenze toccherà alcuni poli attrattori come il Polo Scientifico, le zone industriali di Calenzano, Campi o I Gigli, fino a raggiungere il Museo Pecci per poi innestarsi nel sistema di rete cittadina pratese. In risposta, poi, al crescente mercato delle bici a pedalata assistita, la ciclovia sarà dotata di colonnine di ricarica per le e-bike

A che punto siamo?

Attualmente siamo in fase progettuale e la realizzazione dei primi due o tre lotti degli otto totali dovrebbe partire entro la fine del 2019. La Firenze-Prato si inserisce nell'ambito del sistema di ciclostrade della piana progettato dalla Città Metropolitana con la collaborazione di alcuni comuni. Questo tragitto, nello specifico, è finanziato per 5 milioni dal "Patto per Firenze" sottoscritto col Consiglio dei Ministri e per 2,4 milioni dai fondi regionali POR dall'UE. 

Quanto è importante che un festival come FBF dialoghi con le istituzioni?

Fondamentale. Città Metropolitana cerca di coinvolgere su questi temi stakeholder come FIAB e UISP e soggetti che hanno a cuore ciclabilità e sostenibilità in termini di mobilità. Stiamo iniziando adesso con un piano urbano per la mobilità sostenibile e avviato proprio in questi giorni le pratiche di partecipazione collaborativa. In questa fase in particolare poi ci stiamo dedicando all'ascolto dei cittadini. Ad esempio, abbiamo organizzato una serie di incontri e passeggiate esperienziali che vedranno i cittadini raggiungere Palazzo Medici Riccardi con mezzi diversi partendo da cinque differenti luoghi della Città Metropolitana. Giunti a destinazione li intervisteremo per capire necessità e punti critici. 

Letto 639 volte
Sei qui: Home News La prima "superstrada ciclabile" è tutta toscana