News dal mondo fbf

Post by Redazione On 08 Marzo 2019 In Fbf news

Quando l’emancipazione viaggia su due ruote: la bici è donna!

Lottare per i diritti delle donne in sella ad una bicicletta: sembra uno slogan eppure, in un passato non troppo lontano, anche le due ruote sono state uno strumento per affermare la parità dei sessi. Un vero e proprio mezzo rivoluzionario che ha le sue eroine in donne del passato e del presente, sparse in tutto il mondo.

Per la statunitense Susan B. Anthony, pioniera dei diritti civili, l’invenzione della bici era la metafora di una “condizione femminile che andava liberata dalle catene”. L’evoluzione del biciclo e dei velocipedi nella moderna bicicletta nella seconda metà dell’Ottocento è infatti contemporanea alle prime ondate di femminismo e, pur non essendo stata progettata su misura per le donne, la bici risultava particolarmente funzionale all’universo femminile che era in grado di muoversi in maniera più indipendente, svincolandosi da carrozze, vettori e accompagnatori vari.

Le due ruote hanno garantito così alle donne più mobilità e una conseguente emancipazione, modificato i codici d’abbigliamento ma anche combattuto gli stereotipi sulla presunta debolezza fisica del cosiddetto gentil sesso, ritenuto incapace di saltare in sella e pedalare.

Tra le donne-simbolo di questa sfida ai pregiudizi rimangono immortali l’impresa della lettone Annie Londonderry, la prima donna a fare il giro del mondo in sella ad una bicicletta dal 1894 al 1895, oppure quella della nostra Alfonsina Strada, ciclista mitologica, la prima a correre un Giro d’Italia nel 1924, dando non poco filo da torcere ai rivali uomini. Una vera a propria rivoluzione, basti pensare al fatto che le donne vennero ammesse alle Olimpiadi solo 24 anni prima, nel 1900.

Più di un secolo e mezzo dopo, la questione di genere è ancora molto dibattuta e la tanto ambita parità sembra ancora distante. Solo due anni fa le donne islamiche si sono date appuntamento a Milano per una biciclettata nel segno dell’uguaglianza. Per alcune donne, infatti, ancora oggi fare una pedalata è un tabù, mentre la bicicletta rimane un mezzo disdicevole.

Tanta è la strada ancora da percorrere per l’uguaglianza dei diritti ma inforcando una bicicletta e pedalando insieme la salita sembra meno dura!

Letto 73 volte Ultima modifica il Lunedì, 11 Marzo 2019 19:46
Sei qui: Home News Quando l’emancipazione viaggia su due ruote: la bici è donna!